La PlexiTie e il crowdfunding

Da wikipedia:
Il crowd funding o crowdfunding (dall’inglese crowd, folla e funding, finanziamento) è un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone ed organizzazioni. È un processo di finanziamento dal basso che mobilita persone e risorse.

Detto così chissà che sembra, ma in realtà il concetto è semplice, si presenta un idea o un progetto e si raccolgono fondi per la realizzazione. Tutto qui, davvero.
L’idea è semplice e lineare, quello che è sorprendente (e controintuitivo) è che, per alcune campagne, i finanziamenti raccolti raggiungono, e a volte anche superano, il target del progetto.

Il crowdfunding inverte la proporzione classica tra chi cerca fondi e chi è disposto ad offrire un finanziamento utilizzando prevalentemente una comunicazione estesa e capillare del progetto attraverso i social network ed altri sistemi di propagazione via internet… e funziona 🙂

Certo, occorre considerare la delicata e misteriosa alchimia che che decide quale campagna sale e quale rimane al palo, non tutti i progetti hanno successo, anzi, le pagine dei siti di CrowdFunding sono piene di idee apparentemente buone che vengono appena sfiorate dal grosso pubblico, ma il più delle volte è facile capire perchè, l’ idea, oviamente, non basta, quello che conta di più e la rete e la capacità di generare networking, e anche questo non basta, avere a che fare con la “crowd”  non è, purtroppo, un processo lineare che può essere sintetizzato in poche semplici direttive da seguire, ma una vera e propria  arte capricciosa e imprevedibile che incominciamo solo ora a conoscere.

Anche se molte delle strategie sono note non è comunque sempre facile inquadrarle e sopratutto sintetizzarle in poche righe, e comunque, se avete domande da fare potete postarle qui sotto.

 

 

Leave a Reply